Il mese di gennaio, tradizionalmente rappresenta il mese dell’influenza per antonomasia. Ci siamo chiesti se questo picco potesse in qualche modo essere visto nell’andamento dei tweet in rete. Abbiamo monitorato un periodo che va dal primo dicembre al 20 Gennaio. I tweet nel periodo sono in trend decisamente in aumento nel mese di gennaio (+174%).

Trend tweet influenzali Italia 1 dicembre 2012 - 20 gennaio 2013

Dal grafico risalta in maniera evidente un incremento nella seconda settimana di Gennaio, indice che ci stiamo probabilmente avvicinando al picco influenzale.

La seconda domanda che ci siamo posti è in quale zona d’italia ci fosse più impatto in termini di segnalazioni su malesseri influenzali. I dati sono riferiti alla popolazione che ha accesso ad internet per regione e sono rappresentati in termini di tweet per 10000 abitanti. Le regioni da cui arrivano in proporzione piu’ segnalazioni di influenza sono la ValD’aosta  (2.07 tweet per 10000 abitanti) e la Liguria ( 1,72 tweet per 10000 abitanti).

Densità tweet influenzali italia

I dati aggregati per macro regione geografica sono riportati di seguito:

NordEst : 0,74 Tweet/10000 abitanti

NordOvest: 0,95 Tweet/10000 abitanti

Centro: 0,83 Tweet/10000 abitanti

Sud: 0,74 Tweet/10000 abitanti

Isole: 0,66 Tweet/10000 abitanti

I sintomi principalmente indicati nei tweet sono:

Principali sintomi riferiti nei tweet

Twitter e’ un mezzo che viene usato per condividere con gli altri i propri sintomi quando si sta a casa, avvisare gli altri che non si va a scuola, fare un po’ di sana ironia sulle inevitabili coincidenze di feste con malanni ed alla fine per sentirsi un po meno soli condividendo con gli altri il proprio malessere e l’andamento della malattia e richiedere anche una dose di coccole virtuali.

Insomma per far passare il tempo che siamo costretti a trascorrere in casa, twitter sembra essere un elemento importante, come per monitorare l’andamento  e la distribuzione del picco influenzale in corso.