Select Page

Autore: fabiana.lorenzi

La metafora concettuale

Per continuare il discorso iniziato con il precedente articolo sulla metafora, vi proponiamo, adesso, l’esplorazione di una teoria di recente formulazione affermatasi nell’ambito delle scienze cognitive: la teoria della Metafora Concettuale elaborata da George Lakoff e Mark Johnson (il primo linguista, il secondo filosofo) ed esposta nel libro “Metafore e vita quotidiana” di cui il titolo inglese rende ancora meglio i fondamenti della teoria stessa essendo esso “Metaphore we live by”. Per i due studiosi americani, la metafora, lontano dall’essere un fenomeno di mero abbellimento poetico è quel meccanismo che pervade la nostra comunicazione in modo massiccio. La metafora è evento cognitivo prima che linguistico ed è la modalità attraverso la quale noi esseri umani strutturiamo i nostri concetti e dunque la realtà. L’enunciato linguistico non è altro che “ciò che appare” di un processo di elaborazione cognitiva della realtà: “il nostro comune sistema concettuale, in base al quale pensiamo e agiamo, è essenzialmente di natura metaforica”. È abbastanza curioso come per lo stesso Lakoff, le ricerche sulla metafora ed il pensiero ebbero inizio in modo alquanto sorprendente quando, nelle lezioni per gli undergraduate all’Università di Berkeley, parlando di metafore, una studentessa, sconvolta, disse di avere avuto un grave problema con un una di esse. Il ragazzo di costei le aveva, infatti, detto che il loro rapporto “aveva imboccato un vicolo cieco“. “La metafora, secondo la posizione tradizionale, avrebbe...

Read More

La metafora per la crescita delle persone e delle organizzazioni

Come definireste la metafora in poche parole? Molti probabilmente la inquadrerebbero come figura retorica: è quello che abbiamo imparato a scuola con la letteratura e le poesie. Sul dizionario della lingua italiana troviamo due definizioni: “Figura retorica consistente nella sostituzione di un termine con un altro connesso al primo da un rapporto di parziale sovrapposizione semantica, p.e. “Achille è un leone”, dove leone sostituisce guerriero audace || m. lessicalizzata, metafora che ha perso il suo carattere deviante ed è entrata nel lessico standard di una lingua (p.e. “la gamba del tavolo”)”. Come la definisce, invece, il dizionario etimologico? Dal greco ”metaphora” trasporto composto da “meta” oltre e “phoreo” portare. Figura retorica per cui un vocabolo si trasporta dal proprio significato ad un altro, che ha con esso qualche analogia. Insomma, sembra che la metafora, sia, oltre che un artificio linguistico, inevitabilmente anche un’entità cognitiva essendo essa atta a “manipolare” i significati del linguaggio. È possibile, quindi, definire la metafora come un’entità linguistico-cognitiva dalla natura complessa difficilmente sintetizzabile in un unico modello teorico, o meglio, in un modello teorico unico in grado di definire con completezza questa entità trasversale alle diverse sfere del sapere e a lungo contesa da numerose discipline. È affascinante come nell’affrontare la complessità di quest’oggetto di studio si passi dalla filosofia all’ontologia, dalla psicologia cognitiva a quella comportamentale non escludendo le psicologie dell’inconscio; La metafora non è solo trasversale alle diverse discipline...

Read More