Select Page

Autore: Marco Dilullo

Il teatro, un strumento efficace per lo sviluppo delle persone

Sin dai tempi dell’antica Grecia il teatro ha avuto un ruolo fondamentale nella vita sociale delle comunità. Come molti ricorderanno la Polis greca utilizzava il teatro per scopi politici, religiosi ma anche educativi, in una visione che trasformava gli spettacoli teatrali in veri e propri riti, ai quali si assisteva in massa. Che è un pò quello che avviene oggi nel calcio in fondo. In effetti il teatro è un’arte in cui la creatività individuale (dell’autore, del regista, dell’attore, dello scenografo etc.) si fonde assieme e genera un’espressione collettiva, un messaggio sociale che solitamente genera emozioni e produce cultura. Se occuparsi di risorse umane significa oggi dare un contributo concreto allo sviluppo delle persone e delle organizzazioni allora il teatro può fare la differenza e i motivi sono numerosi: lavora utilizzando il gruppo e lo stare in gruppo è uno dei bisogni prioritari dell’uomo, oltre che una delle priorità aziendali; è un atto creativo, ma ha delle regole, ed ha quindi una grande valenza educativa, che aiuta a migliorare anche la gestione delle emozioni; coinvolge tutto il corpo, per cui si impara ad ascoltarlo, ad utilizzare al meglio le sue energie, a ristabilire un equilibrio che il più delle volte abbiamo perso a causa dello stress quotidiano; è universale, è una forma di comunicazione che non conosce frontiere e che migliora i processi di ascolto e le dinamiche relazionali...

Read More

La diversità e il diversity management

Parliamo di diversità: immaginate un’Inter senza Milito: molto probabilmente l’anno scorso il campionato di calcio italiano avrebbe preso una piega differente senza i 22 goal segnati da “el Principe”, come viene affettuosamente chiamato dai propri tifosi il bomber argentino. Ma andiamo un attimo indietro nel tempo, e proviamo a immaginare una Roma priva di Falcao: inutile nascondersi dietro un dito, è soprattutto grazie all’apporto del mitico fantasista brasiliano che nella stagione ’82-’83 la squadra giallorossa conquistò il suo secondo scudetto della storia. Il calcio è un terreno fertile per l’integrazione delle diversità, è un dato di fatto, almeno dal punto di vista del gioco, eppure quel che accade in uno degli sport più seguiti al mondo non va di pari passo col resto della società, almeno in Italia, diciamolo apertamente. Le discriminazioni, a volte anche nei luoghi di lavoro, sono infatti all’ordine del giorno, ed hanno come oggetto le differenze di genere, di età, di orientamento sessuale, di religione, di abilità psichica e motoria e chiaramente, di razza. Da alcuni anni però diverse aziende stanno sperimentando al loro interno un modo differente di approcciare al tema della diversità: parliamo di “Diversity Management”, un principio gestionale nato negli Stati Uniti nei primi anni ’90, che cerca di contrastare ogni forma di discriminazione. Il Diversity Management propone dei sistemi di valorizzazione delle differenze e di promozione dell’inclusione sociale, utilizzando essenzialmente la comunicazione...

Read More

Il Talento, ce n’è per tutti

Spesso in azienda si sente parlare di persone ad “alto potenziale”, con nomi spesso diversi come high flyers o top performers. Quando si parla di talenti si fa quasi sempre riferimento ad un gruppo ristretto di persone che dovrebbero contribuire al successo dell’azienda più di altre, perchè “dotate” di capacità e potenzialità eccellenti, che portano sempre, o quasi sempre, a delle performance superiori.

Read More

Teatro d’impresa & Story Telling – Comunicazione e cultura in un match d’improvvisazione

Ultimamente ho avuto modo di realizzare un progetto piuttosto avvincente per una nota multinazionale del mondo finanziario. La sfida professionale è consistita nell’ideare, proporre, progettare, organizzare e realizzare da zero ed in breve tempo, una consulenza a metà tra la formazione, la comunicazione d’azienda e l’organizzazione di un evento che ruotava intorno ad un match d’improvvisazione teatrale¹, andato in scena in uno splendido Resort SPA, nel bel mezzo di una convention aziendale. Il lavoro si avvalso di spunti tratti dallo “storytellling”, che viene utilizzato da amcservices a 360°, per scopi che vanno dalla comunicazione interna, alla definizione della corporate identity, alla formazione. Secondo questa metodologia le trame delle storie professionali sono ricorrenti, come se esistesse un grande repertorio dei lavori, dei mestieri, delle carriere, che sono a loro volta il risultato dei discorsi che il mercato genera a seconda dell’industry di riferimento e dello specifico segmento di business. Dopo una prima fase di raccolta e sistematizzazione dei feedback narrativi e un’attenta analisi delle trame dominanti, realizzata direttamente in house ed in prima persona con delle persone scelte minuziosamente nell’area aziendale di riferimento, lo step successivo è stato il brainstorming, l’analisi e la condivisione dei risultati con il nostro staff artistico, cui è seguito il “match di improvvisazione” vero e proprio, ed una fase di observing utile al report finale. Lo spettacolo finale è stato a dir poco entusiasmante: prima...

Read More